06.80.82.536 / 06.80.80.514 fisiobios@gruppobios.net

Servizio di Riabilitazione dell’età Evolutiva

A chi è rivolto?
Il servizio di riabilitazione e potenziamento è rivolto ai minori da 0 a 18 anni.
L’età evolutiva è caratterizzata da attenzioni e necessità diverse rispetto agli adulti, sia per il progressivo cambiamento dovuto al fattore crescita biologica, sia per i cambiamenti emotivi, comportamentali, cognitivi, e alle costanti richieste dell’ambiente circostante (famiglia, scuola, sistema sociale e culturale).
Non tutti i minori hanno tutte le risorse per affrontare questo delicato momento evolutivo.
Non tutte le famiglie possiedono tutte le capacità e le risorse per sostenere i figli in alcuni momenti evolutivi.
Non tutti i minori sono a rischio e/o affetti da disturbi neuropsichiatrici, ma a volte hanno delle semplici difficoltà che incidono in maniera negativa nel successivo sviluppo.

Nasce così la necessità di un’equipe di professionisti che possano sostenere i pazienti e le loro famiglie sia nel potenziamento che in riabilitazione.

Quali professionisti?
L’equipe riabilitativa è formata da diversi professionisti sanitari ciascuno con la propria specificità ed area di intervento che in sinergia e/o in maniera autonoma possono sostenere i minori nel percorso evolutivo, quali:

Che cosa può fare l’equipe?
L’equipe si occupa di individuare, nei diversi momenti di sviluppo dei minori, aree di vulnerabilità e/o disturbi neuropsichiatrici.
Nel caso in cui si tratti unicamente di vulnerabilità l’intervento dell’equipe, quando necessario, potrà essere unicamente psico-educativo e di potenziamento, favorendo il raggiungimento degli obbiettivi evolutivi corretti.
Oggetto dell’intervento in questi casi potrà essere il minore, la famiglia e più in generale l’ambiente, gli obbiettivi potranno essere le strategie cognitive, emotive, sociali.
In altre parole se un minore, in assenza di disturbo, fa fatica a studiare, si possono ottimizzare e favorire strategie di apprendimento efficaci, se un bambino pre-scolare, in assenza di disturbo, ha difficoltà di regolazione e comportamenti disfunzionali, si può sostenere il bambino e la famiglia nel favorire comportamenti adattivi funzionali ed efficaci.
L’equipe può soprattutto fare DIAGNOSI di disturbi specifici di sviluppo, seguendo questo iter:

Quali disturbi?
L’equipe che ha fatto diagnosi individua un disturbo di sviluppo.
In epoca pre-scolare il disturbo può essere compatibile con un ritardo o un deficit di competenze intellettive o di linguaggio o di abilità motorie e in epoca scolare può riguardare deficit nelle competenze motorie, grafiche, di apprendimento di lettura, scrittura e calcolo, di attenzione, di linguaggio, tali disturbi sono così definiti tecnicamente:

Quale terapia?
L’equipe dopo la diagnosi individuerà una proposta di progetto riabilitativo che prevede di condividere, con il minore e con la famiglia, obbiettivi e tipo di terapia e operatore più adatti alle esigenze del paziente.
Considerando che una stessa terapia può essere effettuata anche da più di una figura professionale, al servizio verranno effettuate le seguenti terapie:


Ogni progetto riabilitativo ha la durata massima di 6 mesi con rinnovabilità, al termine di ciascun ciclo si prevede un iter di follow-up che prevede una rivalutazione clinica e una visita specialistica neuropsichiatrica, interna o esterna al servizio, per individuare e condividere, qualora necessario, con il minore e la famiglia nuovamente gli obbiettivi del progetto.

Quali interlocutori per l’equipe?
L’equipe per tutto il percorso di presa in carico è disponibile ad interfacciarsi, ciascun operatore per la propria specificità, in sinergia e/o singolarmente, a seconda delle esigenze del minore, con altri interlocutori (esterni e/o interni al centro) che se ne occupano.
Tra gli interlocutori esterni ci sono:

Quali altri servizi?
L’equipe per tutto il percorso di presa in carico è disponibile, ciascun operatore per la propria specificità, in sinergiae/o singolarmente, a seconda delle esigenze del minore, per altre prestazioni che non siano diagnosi e cura, ma che spesso rendono un percorso riabilitativo più efficace, integrato e rapido, quali:

Dr. Alessandra Corcelli – Neuropsichiatra infantile
Annachiara Cudazzi – Terapista della Neuro e Psicomotricità infantile
Serena De Angelis – Logopedista