06.80.82.536 / 06.80.80.514 fisiobios@gruppobios.net
Dolore al gomito e sport

A cura di Massimo Massarella


Il gomito è l’articolazione posta fra la spalla prossimalmente e il polso distalmente.

La parte ossea è composta dall’omero distale che si articola da una parte con il capitello radiale e dall’altra con l’ulna prossimale, nell’epicondilo si inseriscono i tendini dei muscoli estensori mentre nella epitroclea si inseriscono i tendini flessori; proprio a carico di questi tendini alcuni sport danno una sollecitazione meccanico infiammatoria dovuta proprio alla specificità del gesto atletico, in particolare il golf sollecita i tendini epitrocleari o flessori, mentre il tennis sollecita gli estensori o pei condiloidei da queste sollecitazioni nascono due patologie l’epicondilite o gomito del tennista e l’epitrocleite o gomito del golfista.

Gli sportivi si recano dallo specialista in quanto non riescono a eseguire il gesto atletico ed in particolare ogni tentativo nel farlo provoca dolore.

Dolore caratteristico che nel caso dell’epicondilite è laterale al gomito a livello dell’inserzione degli estensori e non permette alcune volte nemmeno l’atto di stringere la racchetta o di effettuare un servizio, il dolore alcune volte emigra verso il polso dal lato dorso laterale.

Nell’epitrocleite il dolore è mediale ovvero a livello dell’epitroclea dove si inseriscono i flessori quindi quando un golfista esegue uno swing  accusa un violento dolore il quale non gli permette una performance adeguata.

All’esame clinico dolore a livello esterno del gomito epicondilite, mentre epitrocleite dolore mediale.

Esami specifici sono: RX gomito in caso di trauma diretto, ecografia e in ultima analisi RMN gomito.

I trattamenti nella maggior parte dei casi sono di natura Fisiatrica con esercizi di stetching dei muscoli interessati, Fans locali e per via generale, con trattamenti fisici quali tecar terapia, laser terapia e ionoforesi, posso essere eseguite una due infiltrazioni di steroidi nei trigger point, esercizi di ginnastica eccentrica e crioterapia locale.

Quando dopo un trattamento o più trattamenti di tipo fisiatrico l’atleta comunque presenta dolore e impossibilità al gesto atletico,allora si rende necessario l’intervento chirurgico che consiste in entrambe le patologie un release dell’nserzione tendinea dei flessori o degli estensori,asportazione del tessuto malacico e perforazioni ossee dell’epicondilo e dell’epitroclea seguiti da due mesi di riabilitazione per il ritorno in campo.I risultati della terapia chirurgica sono molto buoni guarisce circa il 95% di quelli trattati.